Italiano http://www.proacquaaustralia.com.au/ http://www.vodaprolidi.cz

 

News case dell'acqua - ProAcqua Group

 

 

MESTRINO, L’ACQUA AL DISTRIBUTORE: LISCIA O GASSATA A 5 CENT


MESTRINO. Da ieri a Mestrino si può andare a prendere dell’acqua fresca, naturale o gassata, direttamente dal distributore collocato in piazza Mercato, accanto a quello del latte crudo. Fino a mercoledì la distribuzione sarà gratuita, poi occorrerà andare a ritirare all’edicola di Luciano Penello in via Marco Polo 97 (dall’alto lato della strada, lungo la regionale 11), la chiavetta da ricaricare con i soldi: dopo la cauzione iniziale di 3 euro, con 5 euro si potranno prelevare 100 litri d’acqua.
Il distributore è stato installato dalla Ecoimpresa affiliata Proacqua, che è la medesima che ha già posizionato quello a Saccolongo e che prossimamente ne porterà uno anche ad Albignasego. Grazie a questa “Casa dell’acqua” il Comune di Mestrino potrà avviare il progetto “Acqua a km zero” utilizzando l’acquedotto. Al Comune il compito di pagare l’acqua (circa 300 euro l’anno) e l’elettricità per far funzionare il distributore (altri 150 euro), mentre la ditta ricaverà dei guadagni esclusivamente vendendo la pubblicità trasmessa nel monitor sopra le bocchette. I cittadini potranno risparmiare invece sul costo dell’acqua (la pagheranno 5 centesimi al litro) e soprattutto si risparmieranno tonnellate di bottiglie di plastica, perché al distributore bisogna andare con una bottiglia propria, meglio se di vetro. «La cosiddetta “acqua del sindaco” è la migliore» ha detto il primo cittadino Marco Valerio Pedron nel suo discorso introduttivo alla cerimonia di inaugurazione «perché è più controllata. La ditta la microfiltra e depura ulteriormente, quindi sarà estremamente sicura. Abbiamo aderito a questo progetto perché, secondo una statistica, una famiglia di tre persone consuma annualmente circa mille litri di acqua e quindi il costo medio è pari a circa 300 euro. Acquistando l’acqua del distributore al prezzo di 5 centesimi al litro, si spenderanno invece 50 euro».
Ieri mattina era presente anche Paolo Vivian, amministratore delegato di Ecoimpresa, che alle 9.30 aveva tenuto una lezione agli alunni di seconda e terza elementare, insieme all'assessore all'ambiente Gianluigi Toffanin. «I bambini sono stati molto attenti e curiosi» ha detto Vivian, «e questo è un bene, perché permette di formare fin da piccoli la coscienza ambientale. Avendo anche una ditta che raccoglie e smaltisce rifiuti, ad un certo punto non ho più sopportato l’idea dell’enorme quantità di bottiglie di plastica che portavano via i miei camion. Certo dalla vendita della plastica io ci guadagno, ma i viaggi dei mezzi e tutte quelle bottiglie rappresentano un inquinamento dai primi e uno spreco di materie prime per le seconde, che si possono evitare se si beve l’acqua da un distributore, prelevata con bottiglie che ci si porta da casa».
I dati del primo distributore in zona, quello di Saccolongo sono confortanti: i litri erogati nei primi quattro mesi sono stati 113.760, il 72% dei quali di acqua gassata, per una media giornaliera di 948 litri. Le bottiglie di acqua risparmiate sono state così 75.840 e i chilogrammi di plastica non immessi nel circuito della raccolta differenziata oltre 3.000. Considerando che il costo medio di un litro di acqua al supermercato è di 20 centesimi, i cittadini hanno risparmiato pertanto oltre 17 mila euro.

Fonte: http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2013/03/10/news/l-acqua-al-distributore-liscia-o-gassata-a-5-cent-1.6673031

/



indice news    


Seguici su facebook Segui ProAcquaGroup su Twitter